Il giusto tappeto per ogni stanza

Il giusto tappeto per ogni stanza

Uno dei complementi d’arredo più antichi e utilizzati è sicuramente il tappeto. Nasce come drappo in tessuto da utilizzare per ricoprire superfici come pavimenti e tavoli, con il passare del tempo si è evoluto sempre di più, si è diffuso in tutto il mondo tanto che oggi lo possiamo trovare in tantissime varietà di materiali, colori, forme.
Ma come fare per scegliere il giusto tappeto per la nostra casa?

Ogni stanza ha delle esigenze differenti, e sarebbe quindi consigliabile scegliere il tappeto in base all’ambiente dove andrà collocato: considerate l’uso che ne verrà fatto e l’arredamento circostante.

Partiamo dal salotto:
solitamente in questa stanza il tappeto viene posizionato nella zona del divano o vicino alle poltrone. A seconda del tipo di arredamento ci si può divertire a scegliere la fantasia e il modello che si vuole, si possono riprendere i colori già presenti nell’ambiente oppure andare su delle tinte neutre. I modelli in commercio sono svariati, sono tornati di moda i tappeti persiani, dai Kilim ai patchwork potete giocare sui colori e i motivi decorativi.

In commercio oggi si trovano tantissimi modelli di cornici, colori, materiali, dimensioni differenti,
c’è solo l’imbarazzo della scelta. È possibile decidere di realizzare una vostra composizione personale e unica, le combinazioni
possibili sono davvero tante. Potete scegliere una sola grande foto importante incorniciata sopra il divano, oppure una serie di
tante piccoli cornici nere e dal design minimale da appendere lungo il corridoio.

A seconda del vostro stile e del vostro gusto potete osare accostamenti più originali, cornici di differenti dimensioni, appese creando dei disegni, delle forme geometriche. In questo modo le fotografie diventano dei veri elementi decorativi, dei piccoli tasselli di un progetto più complesso e originale.

Fate sempre attenzione al tipo di materiale con il quale viene realizzato, in generale sarebbe meglio privilegiare le fibre naturali (come seta,lana e cotone), ma è anche vero che le fibre sintetiche sono spesso più facili da pulire. Considerate se dovete collocare il tappeto in una zona di passaggio, quale sarà il suo utilizzo e quanto pensate si possa sporcare (ad esempio seavete animali o bambini piccoli in casa) e informatevi sempre sulle tecniche di pulitura del tappeto che state per acquistare.

 

Camera da letto:
in questa stanza di solito o si sceglie un tappeto molto grande da posizionare sotto il letto, o piccoli scendiletto. In entrambi i casi meglio scegliere dei modelli dai colori soft che si adattino al resto dell’arredo e in materiali morbidi e naturali.

Cucina:
i tappeti oltre ad avere un ruolo estetico, hanno anche una funzione pratica, in cucina ad esempio vengono messi nella zona vicina al lavello e ai fuochi perchè cosi in questo modo, durante la preparazione delle pietanze, gocce e schizzi ricadono sul tappeto e non sul pavimento.
Per questo motivo i tappeti sono in materiale plastico, facili da pulire e da asciugare ine schizzi ricadono sul tappeto e non sul pavimento.

Bagno:
normalmente si tratta di stanze piccole, i tappeti quindi sono anche loro di dimensioni contenute, spesso sono lunghi e stretti, vengono posizionati vicino alla doccia (o alla vasca) e vicino ai sanitari. C’è chi li preferisce in tessuto morbido (cotone o spugna), chi invece opta per la praticità scegliendo modelli in legno o in poliestere. Ricordatevi di sceglierli sempre antiscivolo.

You may also Like

Leave a reply